BRUTTI MA BUONI

BRUTTI MA BUONI
follow and like:

Buongiorno, dopo qualche giorno di assenza dal blog per i troppi impegni di lavoro, eccoci con una super ricetta  di mia mamma di questi biscotti brutti alla vista ma buonissimi, che si sciolgono in bocca!!

Praticamente sono cresciuta con il profumo di questi biscotti diffuso per tutta la  casa; quando ero piccola me li faceva spessissimo, soprattutto perchè è un modo semplice e veloce per consumare gli albumi avanzati da altre ricette!

Devo dire infatti che oggi, quando ho trovato la scatolina nella mia borsa  (si, perchè nonostante io abbia passato i trentanni  mia mamma pensa ancora di dovermi dare la “schiseta” quando vado a trovarla per paura che non mangio abbastanza) sono rimasta piacevolmente sorpresa ed ho fatto un bellissimo tuffo nel passato…

I brutti ma buoni sono dei biscotti di origine emiliana a base di meringa e mandorle tritate; il loro nome deriva dal  metodo di preparazione; il composto è morbido e va steso con l’aiuto di un cucchiaio da cucina:  con la cottura i biscotti ottengono delle forme brutte e irregolari; però sono davvero buonissimi e perfetti da servire dopocena o per merenda  in accompagnamento al caffè.

Il procedimento potrebbe sembrare complesso per via della cottura a bagnomaria; è un tipo di cottura che consiste nel far bollire una pentola con dell’acqua nella quale poi va immerso un recipiente più piccolo contenente il composto che si dovrà cuocere. Si utilizza questo metodo per avere un maggior controllo sulla cottura  quando si trattano ingredienti particolarmente delicati come in questo caso gli albumi!!

Onestamente una volta  ho provato a farli anche senza la prima cottura a bagnomaria (quindi ho montato gli albumi in planetaria) ma con la doppia cottura escono decisamente meglio!!

INGREDIENTI: 

  • 3 albumi
  • 300 g di zucchero semolato
  • 250 g farina di mandorle (potete ottenerla tritando finemente le mandorle pelate)
  • un pizzico di sale

PREPARAZIONE:

  1. in una bacinella adatta alla cottura a bagnomaria (io utilizzo una bastardella in acciaio comprata da ikea) mettere gli albumi, un pizzico di sale e lo zucchero semolato.
  2. montare gli albumi a bagnomaria, fino ad arrivare a 40°C, controllare con un termometro da cucina.
  3. unire agli albumi montati  la farina di mandorle;
  4. Distribuite il composto a cucchiaiate su una teglia foderata di carta forno e cuocere per circa 15/18 minuti a 170°C fino a quando i biscotti non risultano dorati.
  5. Servire freddi.

I brutti ma buoni si conservano per qualche giorno chiusi in una scatola di latta.. ma se siete golosi quanto noi, difficilmente vi avanzeranno !!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
Follow by Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: