RISOTTO CON PASSATO DI VERDURE MANTECATO AL TALEGGIO

RISOTTO CON PASSATO DI VERDURE MANTECATO AL TALEGGIO
follow and like:

Da piccola non mi piacevano molto le verdure ( e sinceramente non le mangio molto volentieri neanche adesso) per questo mia mamma si è inventata questo risotto per farmele mangiare!!  Questo è un primo piatto perfetto per le giornate invernali perchè come dico sempre, scalda il cuore..   La preparazione è molto semplice, ci vuole solo un pò di tempo per far cuocere il passato di verdure che utilizzeremo al posto del brodo; quindi, mettiamoci subito ai fornelli..

INGREDIENTI:

  • 80 g a persona di Riso carnaroli semiintegrale
  • 1 cipolla bianca (metà per il risotto e metà per il passato)
  • 1 gambo di sedano
  • 3/4 carote pelate
  • 2 patate sbucciate
  • 2 zucchine
  • 100 g di lenticchie o fagioli precedente ammollati in acqua
  • vino bianco da cucina
  • 50 g burro
  • 150 g taleggio dop
  • sale e pepe

PROCEDIMENTO:

  1. In una casseruola alta mettere tutte le verdure pulite a tagliate a pezzi grossolani, riempire la padella con acqua fredda, salare e pepare. Cuocere il passato per circa due ore con il fuoco al minimo. Togliere dal fuoco e frullare il tutto con il mixer ad immersione, se necessario allungare con un pò di acqua (non deve essere troppo denso).
  2. in una padella fare un soffritto con un goccio di olio extra vergine d’oliva e metà della cipolla; una volta appassita la cipolla, aggiungere il riso semiintegrale e lasciare tostare per un paio di minuti girando con un mestolo di legno. Sfumare con un bicchiere di vino bianco e lasciarlo evaporare.
  3. continuare la cottura del riso tenendolo bagnato con il passato di verdura caldo. il riso integrale ha una cottura di circa 20 minuti, passato questo tempo togliere dal fuoco ed aggiungere il taleggio e il burro freddo.  Mi raccomando, un buon risotto deve essere all’onda,cioè non deve essere ne troppo denso, ne troppo liquido.  Mantecare o mescolare un risotto all’onda significa che, grazie ad un’abile movimento con il tegame, si crea letteralmente un’onda di risotto. In fase di impiattamento il risotto è all’onda se, inclinando il piatto, segue l’inclinazione in modo delicato.

Spero che questa ricetta vi sia piaciuta quanto piace a noi !! Buon appetito !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
Follow by Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: